Skip to content

Una sera vi insegno a recitare a soggetto…

13 novembre 2007

Perchè alla fine si riduce a questo.Mentre l’Assemblea non parla e non esprime, i delegati assumono sguardi chiarissimi che a tutto ti incoraggiano tranne che a formare un pensiero critico. Questo partito democratico sembra cercare di comportarsi come la Margherita del primo momento, quando si doveva a tutti i costi andare avanti a mozioni unitarie. Zero dibattito, zero elaborazione.

 E qui bisognerebbe parlare del recitare a soggetto… Perchè mi sembra un peccato meno grave quello di almeno forzarsi di sembrare aperti e collaborativi piuttosto che addirittura ostili a chi preferisci la strada più difficile per la formazione di un partito.

Forse semplicemente commetto un errore quando guardo il nome e ci leggo democratico, dovrei leggerci plastica e invece che vocazione maggioritaria dovrei leggere vocazione unitaria.Sento che c’e’ confusione sul valore della democrazia, troppa voglia di aspettare e di andare piano per non turbare il sonno di chi è convinto che tutto sia stato già risolto, già fatto e già elaborato. Io invece, sarà l’inesperienza, ma come le persone in attesa del dramma cammino in cerchio. Io ho sempre la fastidiosa idea che è meglio chiarirsi prima di scendere nell’agone politico vero e proprio. Parlare per sperimentare un metodo e affidarsi a regole certe quando manca la conoscenza reciproca mi è sempre sembrato essere un metodo sano di vivere la democrazia. 

Annunci

From → analisi

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...