Skip to content

Coordinamento Provinciale PD

3 dicembre 2007

Sabato 1 dicembre dalle ore 9:30 a San Lorenzo in Lucina, presso Lo Spazio Etoile si è celebrata una lunga (almeno 8 ore) assemblea cittadina che ha portato all’approvazione di un breve regolamento che recepisce il dispositivo approvato il 20 novembre dall’assemblea dei segretari regionali. Questo almeno in apparenza risponde alla 5 fatidiche domande che compongono una buona descrizione della realtà, chi come dove quando e perchè, ma quanto è avvenuto sabato risponde piuttosto alla vecchia logica, al passato costume (un po’ margheritino) di costituire le direzioni nei corridoio, tra coloro che informalmente sono i rappresentanti dei gruppi organizzati. <br> L’assemblea dopo 3 ore di interventi random inizia quindi a sembrare una specie di liquido amniotico dove il contrasto è reso manifesto da chi sa attraversare la sala con abilità per portare e riportare notizie sul futuro del partito romano che progressivamente prende forma nel corridoio.Verso le 17 tuttavia è ormai evidente che nessun organo vedrà la luce sabato e che sarà sulla sola responsabilità di Milana che prenderanno vita alcuni organismi dirigenti. In un imprevisto scatto tuttavia la platea impone la sua presenza ed il suo dibattito su un regolamento che recepisce proprio le indicazioni previste nel dispositivo del 20 novembre, la platea scalcia proclamandosi sovrana e fieramente dopo aver gridato accetta il regolamento che di seguito pubblichiamo. “

 

 

 

PER LA NASCITA DEL PARTITO DEMOCRATICO NELLA CITTÀ  DI ROMA.

 

 

 

 

            I   LA CAMPAGNA DI FONDAZIONE DEL PD A ROMA

 

 

1.    Nei mesi di Dicembre e Gennaio viene indetta una mobilitazione straordinaria per la nascita del Partito Democratico (di seguito PD) nei quartieri della città di Roma.

 

2.    Il livello di radicamento del PD sono i Circoli territoriali. La definizione di “Circolo territoriale” è da ritenersi provvisoria in quanto il nome definitivo verrà indicato negli Statuti.

 

3.    Entro il 19 dicembre il Coordinamento romano definisce l’ubicazione e le caratteristiche dei Circoli, i loro confini geografici e i seggi elettorali di riferimento. Tale proposta è sottoposta all’approvazione della Commissione per la Costituente cittadina.

 

4.    Ad ogni Circolo viene consegnato l’elenco dei votanti delle Primarie del 14 ottobre dei seggi di riferimento. Tale elenco è pubblico e consultabile, nel rispetto delle norme sulla tutela della privacy.

 

5.    I Circolo territoriali del PD dovranno essere luoghi aperti in cui si garantisce il pluralismo delle idee e delle posizioni.

 

 

II – LA COSTITUZIONE DELL’UFFICIO TECNICO AMMINISTRATIVO DI  COLLEGIO       

 

 

1.    In ogni collegio è costituito l’Ufficio Tecnico-Amministrativo del Collegio (di seguito UTAC) composto dagli eletti all’assemblea nazionale e regionale del PD opportunamente integrati, al fine di garantire il pluralismo, secondo le indicazioni del Collegio dei Probiviri

 

 

 

 

 

  III – LA CONSEGNA DEL CERTIFICATO DI FONDATORE DEL PD  

 

 

1.    Dal 19 dicembre saranno rilasciati i  certificati di “Fondatore del PD” .

 

2.    La distribuzione dei certificati avverrà esclusivamente in presenza di almeno un membro dell’UTAC nel corso di eventi pubblici o nelle sedi dei circoli territoriali. Ogni manifestazione deve essere comunicata tempestivamente all’Esecutivo romano che ne informa il coordinamento regionale.

 

3.    I certificati vengono rilasciati al richiedente, previo riscontro sugli elenchi dei votanti alle Primarie del 14 ottobre, dietro una sottoscrizione di almeno 5 euro (e di 2 per i minori di 20 anni).

 

4.    Sarà cura del Coordinamento romano indicare ai Circoli territoriali di versare al comitato regionale la cifra di un euro a certificato rilasciato per la copertura delle spese.

 

5.    La cifra residua andrà a costituire il fondo cassa iniziale in dotazione a ogni circolo.

 

 

IV – LE ASSEMBLEE PER LA FONDAZIONE DEI CIRCOLI TERRITORIALI DEL PD

 

 

1.    Il 27 gennaio si riuniscono le assemblee dei  “Fondatori” del Partito Democratico di Roma per:

 

       fondare il Circolo;

       definire il programma politico e organizzativo;

       eleggere il Coordinamento di Circolo;

       proporre candidature al Coordinamento cittadino.

 

2.    Il Coordinamento di Circolo provvederà all’elezione del Coordinatore

 

 

 

V – ELEZIONE DEI DELEGATI AL COORDINAMENTO ROMANO

 

 

1.    L’elezione dei delegati al coordinamento della città di Roma avverrà il 3 febbraio 2008 secondo le disposizioni delle Assemblee Costituenti Nazionale e Regionale

 

 

 

 

 

VI – ELEZIONE DEL COORDINATORE E DEL PRESIDENTE DEL PARTITO DEMOCRATICO

 

 

1.    L’Assemblea romana procede all’elezione del Segretario romano del partito e del Presidente del coordinamento romano nelle forme decise dal coordinamento nazionale.

 

 

 

VII – DISPOSIZIONE TRANSITORIA

 

 

1.   Ogni altra decisione derivante da disposizioni degli organi nazionali e regionali sarà demandata al Coordinamento cittadino.

 

 

 

 

Roma, sabato 1 dicembre 2007

 

 

” 

Annunci

From → dati

One Comment
  1. Topolino contro la Banda Bassotti

    Firenze, 11 febbraio 2008

    In reazione all’atmosfera opprimente creatasi per le tante scene squallide offerte dalla pseudo-politica italiana, atmosfera resa più cupa dalla preoccupante situazione economica mondiale, l’istinto di sopravvivenza mi induce a introdurre un po’ di leggerezza, richiamando i cari e divertenti personaggi dei cartoni di Walt Disney.

    Me ne fornisce lo spunto la grottesca situazione che stiamo vivendo. Solamente noi Italiani, riconosciuti maestri di spettacolo e creatori della sceneggiata, potevamo inventarci e far vivere una “forza politica” che, aldilà delle dichiarazioni ufficiali che rendono il tutto più disgustoso e offensivo, fonda apertamente le sue certe fortune sull’ aspettativa di illegalità e di rifiuto delle regole di convivenza. Una incredibile quantità di persone, che certo non meritano la qualifica di cittadini, desiderose non tanto di pagare tasse modeste, quanto di non pagarle affatto, sostengono con entusiasmo quella “forza politica”, che, come principale punto (ovviamente non dichiarato) di programma ha la massima inefficacia possibile delle azioni della Guardia di Finanza e della Giustizia.

    Quella “forza politica” che si dichiara di centro-destra e che dovrebbe, quindi, promuovere le liberalizzazioni, non solamente non le promuove nell’arco di cinque anni, ma poi le ostacola, assicurandosi così l’appoggio di tutte quelle categorie di persone che, da decenni, vivono lussuosamente alle spalle dei cittadini non privilegiati. L’accostamento alla Banda Bassotti riesce allora del tutto naturale.

    In occasione del terremoto innescato dai primi atti del Partito Democratico, Forza Italia, con la velocità del baleno, chiaro indice della serietà del processo politico, ha mutato pelle, dando luogo al Partito delle libertà (Pdl). Casini orgogliosamente resiste al padrone Berlusconi; il suo repentino ammorbidimento si verifica con immediatezza, a seguito di due eventi: l’esplicito riferimento di “aiuti alle scuole private” in una dichiarazione di intenti del Pdl e un suo colloquio con il cardinale Ruini. Il tutto alla luce del sole; si è perso persino il senso del pudore nel fare un simile scempio dello Stato italiano!

    E non viene anche a voi in mente l’eroico Topolino che si lancia nella lotta contro la Banda Bassotti, nel sentire Veltroni che decide di far correre da solo il Partito Democratico alle prossime elezioni? Se siete anche voi sensibili allo stridìo di dolore di Topolino, che si batte per salvaguardare la nostra Bella Casa, aiutatelo e diffondete quanto possibile il presente breve scritto.

    Riprendendo il tono serioso, che si conviene a uno studioso dell’ Evoluzione, sento il dovere di offrire un avvertimento a quanti (politici, seguaci infedeli di Cristo e semplici persone), consapevolmente o meno, per squallidi interessi personali espongono il Paese ad una ulteriore umiliazione : sarà l’ Evoluzione stessa a rendere la dovuta giustizia e ad eliminare per sempre dalla scena i responsabili di tanta oscenità [vedi Capitolo XIII di “Commedia 2000”].

    Questo messaggio è stato registrato, a seguito degli altri, nel sito
    http://www.dante2000.it/ (Versione italiana, voce “Agli Italiani”).

    Alberto Acquaro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...